Archivio

Posts Tagged ‘Varie’

WordPress 2.6… la “saga” continua!

15 luglio 2008 6 commenti

E dopo oltre un mese di sviluppo, il team di WordPress ha rilasciato un altro importante aggiornamento della piattaforma più amata dai blogger, o perlomeno da me.

Siamo dunque a WordPress 2.6!

Sono molte le novità introdotte:

  • sistema di revisione dei post
  • supporto a gears;
  • anteprima dei temi;
  • pubblicazione via Bookmarlet;
  • correzione di 194 bugs;
  • altro…

Vi rimando al sito del buon vecchio (mica tanto eh) Davide per una spiegazione dettagliata delle novità introdotte (con tanto di schermate).

Io ho già aggiornato senza problemi, solo un plugin che fa le bizze, ma oltre questo nessun intoppo!

E tu? Che aspetti?

Derby Milan-Inter

5 maggio 2008 2 commenti

Molti sanno della mia fede nerazzurra e tanti altri sapranno dell’esito, ahimé non troppo favorevole (per me perlomeno), dell’ultimo derby milanese Milan – Inter conclusosi con la vittoria per 2 a 1 dei rossoneri.

Ero allo stadio e devo dire che è stata un’emozione bellissima, indipendentemente dal risultato…

La cosa che più mi è piaciuta son state le coreografie delle due tifoserie che non posso far altro che mettere a disposizione di tutti… davvero molto sceniche e decisamente simpatiche! Molto belli gli sfottò da una parte e l’altra… questo è il bello del calcio!

In compenso non hanno mancato di far trasparire la loro demenza (non senile purtroppo) i “miei” tifosi, quelli nerazzurri, che durante e al termine della partita hanno innondato il primo anello (rossonero) di cartacce e soprattutto di oggetti di ogni sorta. Per fortuna nessun disguido o altro… solo qualche insulto e tanto dispiacere nel vedere tanta scemenza concentrata in così poco spazio!

A dir il vero di dementi ne avevo anche a fianco… ma più moderati, il loro era solo un tifo da mentecatti che mi ha stressato e assordato per quasi tutto il match (non parlo da interista, perché il mio amico milanista, che sedeva al mio fianco, avesse potuto strangolarli l’avrebbe fatto).

Beh in sintesi, una bella partita, peccato per il risultato… ma n’é valsa decisamente la pena!

Forza Inter!

P.s: speriamo di vincere questo scudetto domenica prossima in casa con il Siena…

Categorie:Foto, Personale, Sport Tag: , , , ,

“Fede” in YamamaY…

14 aprile 2008 Nessun commento

Finalmente… dopo mesi di insistenza nei confronti del mio collega, son riuscito a convincerlo a portarmi con sè a vedere una partita di sua cugina che gioca a pallavolo femminile in A1!

La squadra in questione è YamamaY di Busto Arsizio.

Viaggio tumultuoso con treno soppresso e “dirottamento” da parte nostra di un pullman con un autista alquanto bizzarro ma gentile e disponibile (gli avremo probabilmente fatto pena) nel farci scendere in prossimità di questo palazzetto apparentemente irraggiungibile (Palayamamay).

La partita è stata realmente avvincente nonostante i pronostici dessero totalmente favorita Despar Perugia, avversaria che la settimana prima ere reduce da una vittoria importante in campo internazionale (campioni d’Europa). Il risultato finale è stato di 3-2 per Perugia, ma che fatica!

Punto su punto… tutto giocato in pochi minuti al tie-break finale: 16-14 per i cattivi (io tifavo giustamente YamamaY).

Bisogna ammetterlo, in fondo è stato giusto perdere!
Mi spiego: è possibile togliere all’ultimo punto, quello decisivo, la numero 4? Eh no… si stava per vincere… tolta… perso! Noi avevamo “fede” in YamamaY, veramente tanta “Fede”!

Poco importa, è stata una bella partita, una bella serata ed un’ottima ragione per dare il colpo di grazia alla mia voce ed alla mia gola che erano, purtroppo per me, già al limite!

Il ritorno dei play-off, ha visto una sconfitta più netta… ahimé ora YamamaY è proprio fuori dai giochi… ma almeno io c’ero! Se non ci credete…


Grazie a me per aver obbligato/convinto il mio collega, e grazie a voi ragazze per la bella serata!

Il… mondo in una stanza!

18 gennaio 2008 Nessun commento

È la metro, sì avete capito bene, la metropolitana. Parlo di quella di Milano per quanto riguarda la mia piccola esperienza di vita.

Esco da lavoro e salgo sul tram 24 in via Ripamonti e mi reco alla metropolitana, M3, la linea gialla, come tutti i giorni, mai un volto uguale, sempre gente, almeno in apparenza diversa.

Bianchi, neri, asiatici, sudamericani… tutto il mondo in un solo scompartimento di un comune mezzo di trasporto: in una “carrozza” di metro. E sorrido, spesso sorrido, mentre con le cuffie nelle orecchie ascolto il mio iPod e qualche canzone, per lo più nostalgica o sdolcinata, ed inizio a guardarmi intorno, osservando chi mi circonda.

Tutti di corsa, celeri e frettolosi di tornare alle proprie case, come d’impulso accalcati alla porta che si apre, come una gara di corsa in cui ai blocchi di partenza si cerca di arrivare primi. Primi per cosa poi non l’ho ancora capito, tranne nel caso in cui il ritardo potrebbe influenzare il mio “prendere il treno in tempo“. Ma la cosa che mi affascina di questo mondo di pochi metri quadrati in cui la folla si accalca, è la calma.

In prossimità delle fermate “strategiche“, la gente è vero che è “di corsa“, ma quando si è in viaggio, il silenzio è sovrano… un silenzio interrotto soltanto dal rumore “fisico” della metro. Ma la canzone di fondo del mio iPod, che accompagna questo spettacolo silenzioso è magnifico. Vedi i volti di tutti, stanchi ma rilassati, dove trovano il loro piccolo momento di pace e di tranquillità perché possono solo aspettare, aspettare di arrivare… allora si calmano ed è come fossero in una sorta di pace.

Io mi diverto, sì mi diverto e mi calmo a guardarli, sorrido e mi sento per un attimo felicissimo, ma soprattutto rilassatissimo. È la parte più bella del mio viaggio di ritorno della giornata post-lavoro. Non preoccupatevi poi ci pensa il treno a portare via il sorriso con i suoi ritardi e quant’altro… però almeno per qualche minuto giro il mondo in una stanza.

Categorie:Personale, Varie Tag: , , ,

L’Anticristo…

8 gennaio 2007 Nessun commento

Estratto da “L’anticristo – Maledizione del Cristianesimo” – di Friedrich Nietzsche:

“Che cos’è buono? Tutto ciò che eleva il senso della potenza, la volontà di potenza, la potenza stessa nell’uomo.

Che cos’è cattivo? Tutto ciò che ha origine dalla debolezza.

Che cos’è felicità? Sentire che la potenza sta crescendo, che una resistenza viene superata.

Non appagamento ma maggior potenza; non pace sovra ogni altra cosa, ma guerra; non virtù, ma gagliardia (virtù nello stile del Rinascimento, virtù libera dall’ipocrisia morale)

I deboli e i malriusciti devono perire: questo è il principio del nostro amore per gli uomini. E a tale scopo si deve essere loro anche d’aiuto”


Credo non ci sia troppo bisogno di spiegazioni per questo “pezzo”… ma se lo si legge con l’interpretazione giusta è un pezzo stupendo.

In questo momento mi sento un debole, e spero arrivi presto il passaggio da morte interiore a rinascita a superuomo. Parlo puramente di un passaggio mentale.