Archivio

Archivio per la categoria ‘Linux’

Gaim è ora Pidgin

8 maggio 2007 1 commento

Mentre navigavo sul blog di Grey_Fox mi son imbattuto in un breve articolo in cui si parlava della migrazione del nome di Gaim a Pidgin in occasione del rilascio della versione 2.0.

Per chi non conoscesse Gaim, basti sapere che è un client messenger multiprotocollo che consente di collegarsi contemporaneamente a più protocolli (appunto) di messaggistica quali MSN, Aim, Yahoo, GTalk, ICQ, Jabber, IRC e molti altri.

Il cambio del nome, si legge dal sito del progetto ufficiale, è spiegato come segue:

We’ve got a new name, a new look, and a ton of new features, but we’re still the same old instant messaging client you know and love.

Affermano appunto di aver adottato un nuovo nome, un nuovo look, e una “tonnellata” di nuove features, ma di essere ancora lo stesso vecchio client di instant messagging che noi tutti conosciamo e amiamo.

Non resta che sperare che il supporto e lo sviluppo di questa stupenda applicazione continui, magari aggiungendo il tanto atteso supporto alle webcam!

Categorie:Curiosità, Linux, News Tag:

Fonera in “WDS” o quasi…

23 aprile 2007 Nessun commento
fonera.gif' Grazie alla disponibilità ed alla competenza di Antonio Anselmi, mi ritrovo in questo momento con una fonera che funge da ripetitore del segnale WiFi del mio router Wireless WRT54G su cui vi ho installato OpenWrt RC6.

Finalmente sembrerebbe funzionare (quasi) tutto, ma spieghiamo:

Primo passo è possedere una Fonera acquistabile dal sito www.fon.com.
Secondo passo è avere la necessità di estendere il segnale di un dispositivo wireless già attivo e funzionante come nel mio caso in cui sono felice possessore di un router wireless Linksys WRT54G.

Dopodiché occorre creare un’accesso SSH sulla fonera (google sarà molto d’aiuto nel capire come fare) e quindi installare il “ponte”, uno script creato da Antonio Anselmi: basta seguire le semplici istruzioni qui riportate.

Tra pochi giorni uscirà anche la versione testing (che sto testando io insieme ad altri) che aggiunge la possibilità di “captare” un segnale wireless e di “replicarlo” con lo stesso SSID, emulando di fatto una connessione WDS. E’ possibile grossomodo capire da questo schema cosa si intende:

pasqua.jpg
[Clicca sull’immagine per ingrandire]

E qui riporto le schermate della configurazione dall’interfaccia di “ponte” della Fonera:

Come vedete è tutto davvero semplice ora, pochi click e tutto funziona a meraviglia!

Ad essere preciso io ho notato una certa lentezza nella navigazione e scaricamento dei files nel momento in cui il portatile si connetteva alla fonera per prendere “la linea”… forse è dovuto ad una leggera instabilità; ma complessivamente sembra andare tutto a meraviglia.

Il prossimo passo sarà configurare chillispot sul router WRT54G e far sì che la fonera replichi anche chillispot fedelmente, così da avere una rete privata (BlueBox) e una pubblica (Fon_Public) per i foneros eventuali nei dintorni…

Vi terrò aggiornati man mano… smileys

Categorie:Curiosità, Fon, HowTo, Linux, Varie Tag:

CD gratis di Ubuntu Feisty (7.04)

11 aprile 2007 2 commenti

È da oggi possibile ordinare i cd di Ubuntu Feisty, nome in codice della versione 7.04 della distribuzione Linux al momento più popolare! Ovviamente la notizia ha un interesse maggiore per via del fatto che l’ordine e la spedizione sono totalmente gratuiti, quindi tutto a costo zero!

feisty-shipit.png

Io da un mese e poco più già utilizzo felicemente Feisty sul computer fisso (come molti sanno un felice possessore di un Powerbook 12″ con installato OSX 10.4) e devo ammettere che Ubuntu ha fatto passi da gigante facendo leva su una community decisamente attiva e disponibile e su un’interfaccia decisamente user-friendly!

In caso non vogliate aspettare le 4-10 settimane per l’invio del CD di Ubuntu Feisty, potente sempre scaricare le immagini dei dischi legalmente e gratuitamente dal sito ufficiale www.ubuntu.com (è consigliabile una connessione DSL).

Buon Feisty!

Categorie:Linux, News Tag:

MacFuse… aiuto da Google per la mela!

14 gennaio 2007 Nessun commento

Proprio un team di Google sta lavorando ad un progetto per MacOSX, il sistema operativo di casa Apple. È stato Amit Singh, Mac Engineering Manager della grande Google, ad annunciare sul Code Blog il rilascio di MacFUSE, un porting di FUSE (Filesystem in User Space) per OSX.

MacFuse permetterà appunto di utilizzare molti dei filesystem sviluppati per Linux essendo MacFuse API-Compliant.

Potremo finalmente avere accesso in scrittura/lettura su NFTS e su altri filesystem tuttora non pienamente supportati dal nostro amato OSX. Che dire… speriamo che il progetto vada presto a buon fine!

Categorie:Linux, Mac Tag:

Le mille fatiche col WRT54G e Openwrt!

14 dicembre 2006 5 commenti

Sono uno dei fortunati a possedere questo stupendo Router Linksys/Cisco, un WRT54G v2.0.

Tempo fa decisi di cambiare il firmware originale e di mettere Openwrt, con il suo firmware stabile White Russian (RC6) disponibile sul loro sito www.openwrt.org.

Insomma in parole povere, ma proprio poverissime, è installare una versione Linux fatta apposta per questo router. I vantaggi sono molti, in primis un potenziamento del segnale WiFi che permette di avere una maggiore copertura del segnale, seguono la possibilità di configurare per filo e per segno le varie configurazioni, ed infine la possibilità di installare applicazioni all’interno (il router possiede una memoria di 8MB) come un WebServer, software per VoIP, gestione DNS e tanto tanto altro.

È facile installare i programmi? Sì è facilissimo, c’è un tool molto simile ad apt per Debian che si chiama ipkg. Semplicemente basta digitare:

# ipkg update (per aggiornare la lista dei pacchetti disponibili)
# ipkg list (per visualizzare la lista dei pacchetti disponibili)
# ipkg install nomepacchetto (scarica e installa il pacchetto da solo)

Ovviamente è possibile anche installare dall’interfaccia grafica (via-web) con un semplice click!

Mi son detto: ho uno strumento come ipkg, perché non fare un bell’upgrade del tutto? È comodissimo… ipkg upgrade e avrò tutto aggiornato!

Immensa Cazzata! Non l’avessi MAI fatto.

Il router si impalla, non risponde più a nulla. Non riesco ad accederci né via ssh né via web!
Riavvio il router, e si sistemerà no?

Stupenda sorpresa. Il router non boota nemmeno. Non riesce a caricare il firmware e le lucine del router vanno bene per gli addobbi natalizi… brillano senza motivo e di continuo!

Mi toccherà flashare il firmware… vabbhé facciamolo.

Solo che non accedendo né via ssh, né via web come fare?

Mi imbatto nella santa pazienza di due persone amiche, twism e dade` e scopro che l’unica soluzione per flashare il firmware è farlo via tftp. Leggo la documentazione sul sito ufficiale www.openwrt.org e sul suo forum!

Scopro dopo ore la procedura:

# tftp 192.168.1.1
# binary
# rexmt 1
# timeout 60
# trace
# put nomefirmware.bin

Peccato che la procedura non voglia saperne di andare. Stacco il router per 6 minuti per far perdere la memoria al router (che aveva un ip diverso prima) in modo tale che recuperi l’ip di default 192.168.1.1.

Scopro che non può andare la procedura perché devo “resuscitare” il router via hardware. Quindi devo aprirlo e collegare la parte superiore dell’antenna con il pin 16 del chip flash e accenderlo (ovviamente star attenti a non sbagliare il pin e non vi dico quanto sia piccolo quel pin). Magicamente si accende la spia del DMZ che indica che il modem è in failsafe mode e che probabilmente è pronto ad ascoltarmi.

Provo di nuovo via tftp a flashare ma ancora nulla… Stufo dei tentativi spengo il router, lascio tutto smontato e me ne vado.

L’indomani mi sveglio e mi dico: – Proviamo l’ultima volta poi lo prendo a martellate –

Magicamente faccio un reset e poi provo il flash via tftp: risultato firmware aggiornato e tutto funzionante. Rivedo l’interfaccia del mio amato router con openwrt installato. Configuro il tutto a mio gradimento, installo persino lighttpd così da avere anche una paginetta web del router che potete visitare qui blue999.ath.cx:8080!

Ovviamente per installare lighttpd ci son state altre peripezie per problemi di dipendenze non soddisfatte, risolti installando la versione di White Russian (RC5)!

Insomma una faticaccia, solo per una disattenzione. Servirà da lezione!

Tutto sommato ora posso dire di conoscere abbastanza bene openwrt e il mio router.