Archivio

Archivio per la categoria ‘Personale’

I furbi e l’ipocrisia in Italia

6 ottobre 2008 1 commento

Data: 4 Ottobre 2008
Luogo: Torino – stadio Delle Alpi
Evento: Concerto di Vasco Rossi
Costo del biglietto: 43 euro (prato)


Arriviamo allo stadio, tutti carichi in questa “trasferta” che ci vede come spettatori di un evento cui molti vogliono partecipare… tanti, troppi, ma forse non è neanche del tutto vero…
Avevamo un biglietto in più, “avanzato” per un incidente avvenuto purtroppo all’ultimo momento ad un componente di questa trasferta programmata… ma non tutto si può programmare.

Vaghiamo fuori dallo stadio cercando di “piazzare” il biglietto, ma notiamo che sono molti nella nostra situazione, con esuberi di biglietti… alla fine optiamo per scambiarlo con una maglia e una bandana di Vasco (dubbia decisione).

Finito il calvario del “biglietto in più” ci rechiamo verso l’entrata del settore cui i nostri biglietti corrispondevano, per metterci più o meno diligentemente in coda.
Nel camminare abbiam notato l’impossibile: assalti veri e propri alle recinzioni dello stadio, abili saltatori, scalatori improvvisati e scansa-filo-spinato, il tutto sotto l’occhio vigile e disinvolto della polizia, carabinieri… forze dell’ordine insomma.
Non una parola, né dagli agenti all’interno dello stadio né da quelli appena fuori che miravano quasi divertiti il fatto.

E noi? in coda… quaranta minuti di coda (avendo altri amici già in coda durante la nostra missione sopraccitata). Sembrava quasi che fossimo NOI i fuorilegge… incredibile.

E una volta dentro si preoccupano di due tappi di plastica… incredibile, che ipocrisia!
Ovviamente il controllo è lo stesso che potrebbe fare un cieco a 1km di distanza e con le orecchie tappate. Una vergogna direi.

Finalmente entriamo… mi giro e vedo dei ragazzi che litigano con un addetto della sicurezza (sarà pesato 45 chili bagnato n.d.r.).
Sento: “Sei proprio un bastardo, non ti costa un cazzo!”.
Di primo impatto penso: “Eccoli.. i soliti ignoranti deliquentelli che fanno i duri.

Ma son curioso, non ho nulla da fare, e attendo un minuto. Cosa noto?
I ragazzi dopo esser entrati diligentemente facendo la propria coda, erano arrivati da quest’addetto chiedendogli cortesamente se potesse aprire la porta d’emergenza per far passare la loro amica (dall’altra parte della barriera di plexiglass) disabile, su sedia a rotelle, sorretta in braccio da suoi due amici.
L’integerrimo addetto… la severa sicurezza dello stadio vigila attentamente!
Lei non può entrare, deve farsi la coda come tutti, in mezzo alla ressa, subendo sicuramente spinte più o meno volontarie della gente che la circonda e che già alle 8 è giustamente (più o meno) ebbra!

Vorrei tanto cue questi (l’addetto) possa avere avere l’occasione di leggermi e di carpire tutto il mio disprezzo verso la sua incapacità di interpretare le situazioni e la sua capacità di essere un perfetto idiota frustrato che crede di aver il potere in qualcosa e che per ultimo si rende conto di non aver potere neanche sulla propria capacità di ragionare.

A parte queste piccolezze il concerto è andato bene, nessun disordine e il “solito” grande Vasco!

Semplicemente non cambiamo mai noi italiani… furbi, ipocriti e ignoranti (dal latino se qualcuno non conoscesse l’etimologia della parola).

Un saluto critico a tutti!

Correre in libertà

16 luglio 2008 4 commenti

Armato questa volta del mio fido iPhone (al posto dell’iPod) sono andato dalle mie parti a correre un po’ per sfogarmi e un po’ per mantenere un minimo di forma fisica.

Una persona a me cara una volta mi ha detto:
“Corri e tutte le cose inizieranno a correre…”

Sicuramente ha ragione, ma ieri correndo ho avuto una sensazione un po’ diversa… io corro e gli altri stanno fermi: indietro.
Alcuni ne perdo, altri ne trovo… ed io sto bene

Ammiro chi corre intorno ad uno stabilimento o ad un ovale facendo infiniti giri noiosi, ma non posso non andare tra i campi, tra i campi della mia città in piena libertà, e correre…

… e correre in libertà!

Categorie:Foto, Personale Tag: , , , ,

Derby Milan-Inter

5 maggio 2008 2 commenti

Molti sanno della mia fede nerazzurra e tanti altri sapranno dell’esito, ahimé non troppo favorevole (per me perlomeno), dell’ultimo derby milanese Milan – Inter conclusosi con la vittoria per 2 a 1 dei rossoneri.

Ero allo stadio e devo dire che è stata un’emozione bellissima, indipendentemente dal risultato…

La cosa che più mi è piaciuta son state le coreografie delle due tifoserie che non posso far altro che mettere a disposizione di tutti… davvero molto sceniche e decisamente simpatiche! Molto belli gli sfottò da una parte e l’altra… questo è il bello del calcio!

In compenso non hanno mancato di far trasparire la loro demenza (non senile purtroppo) i “miei” tifosi, quelli nerazzurri, che durante e al termine della partita hanno innondato il primo anello (rossonero) di cartacce e soprattutto di oggetti di ogni sorta. Per fortuna nessun disguido o altro… solo qualche insulto e tanto dispiacere nel vedere tanta scemenza concentrata in così poco spazio!

A dir il vero di dementi ne avevo anche a fianco… ma più moderati, il loro era solo un tifo da mentecatti che mi ha stressato e assordato per quasi tutto il match (non parlo da interista, perché il mio amico milanista, che sedeva al mio fianco, avesse potuto strangolarli l’avrebbe fatto).

Beh in sintesi, una bella partita, peccato per il risultato… ma n’é valsa decisamente la pena!

Forza Inter!

P.s: speriamo di vincere questo scudetto domenica prossima in casa con il Siena…

Categorie:Foto, Personale, Sport Tag: , , , ,

“Fede” in YamamaY…

14 aprile 2008 Nessun commento

Finalmente… dopo mesi di insistenza nei confronti del mio collega, son riuscito a convincerlo a portarmi con sè a vedere una partita di sua cugina che gioca a pallavolo femminile in A1!

La squadra in questione è YamamaY di Busto Arsizio.

Viaggio tumultuoso con treno soppresso e “dirottamento” da parte nostra di un pullman con un autista alquanto bizzarro ma gentile e disponibile (gli avremo probabilmente fatto pena) nel farci scendere in prossimità di questo palazzetto apparentemente irraggiungibile (Palayamamay).

La partita è stata realmente avvincente nonostante i pronostici dessero totalmente favorita Despar Perugia, avversaria che la settimana prima ere reduce da una vittoria importante in campo internazionale (campioni d’Europa). Il risultato finale è stato di 3-2 per Perugia, ma che fatica!

Punto su punto… tutto giocato in pochi minuti al tie-break finale: 16-14 per i cattivi (io tifavo giustamente YamamaY).

Bisogna ammetterlo, in fondo è stato giusto perdere!
Mi spiego: è possibile togliere all’ultimo punto, quello decisivo, la numero 4? Eh no… si stava per vincere… tolta… perso! Noi avevamo “fede” in YamamaY, veramente tanta “Fede”!

Poco importa, è stata una bella partita, una bella serata ed un’ottima ragione per dare il colpo di grazia alla mia voce ed alla mia gola che erano, purtroppo per me, già al limite!

Il ritorno dei play-off, ha visto una sconfitta più netta… ahimé ora YamamaY è proprio fuori dai giochi… ma almeno io c’ero! Se non ci credete…

Grazie a me per aver obbligato/convinto il mio collega, e grazie a voi ragazze per la bella serata!

Il politometro

27 marzo 2008 4 commenti

Oh Gesù!

Perdonate l’imprecazione ma son rimasto stupito di fronte all’esito del test che ho effettuato, precisamente il test del politometro.

Un test che valuta l’orientamento politico di un soggetto attraverso 15 domande a risposte multiple.

È possibile effettuare il test semplicemente cliccando qui (sponsorizzato da Repubblica.it).

Ecco cosa mi è uscito fuori:

polimetro

Ovviamente occorre ricordare che il test si basa su domande (o meglio dichiarazioni) forti (a mio avviso) cui facilmente si risponde con eccessi (categorici sì o categorici no) e che pertanto non riesce ad assegnare una valutazione precisa… ma è comunque un giochino divertente.