Archivio

Archivio per la categoria ‘Download’

Come avviare iTunes all’avvio con una canzone casuale?

20 gennaio 2010 Nessun commento

Scrivo questo articolo in risposta ad una domanda letta su un forum, nella speranza che possa aiutare qualcuno oltre al diretto interessato (Stefano, alias “Pisubijoux” ).

Ci sono diversi metodi per fare questo, io suggerisco l’utilizzo di un piccolo script (da creare con AppleScript Editor) da lanciare all’avvio del login dell’utente.

Arriviamo al pratico…

1) Aprire l’editor AppleScript e inserire il seguente codice (commentato per aiutare a comprendere… ah, i commenti si inseriscono con "--" ):


-- Open iTunes
tell application "iTunes"

-- Show window of iTunes running (remove "--" )
-- activate

-- Set shuffle mode to the playlist "Music" (Change it if you want)
set shuffle of user playlist "Music" to true
-- Remove shuffle mode to the playlist "Music" (Change it if you want)
-- set shuffle of user playlist "Music" to false

-- Play music!
play

end tell


2) Cliccare su Compila e poi salvare il tutto come Applicazione.

3) Aprire Preferenze di sistema –> Account –> Elementi all’avvio –> inserire l’applicazione appena salvata!


Per i più pigri è possibile scaricare direttamente da qui il file:

…quindi procedere solo al punto 3!

VMWare Fusion 3.0 e il “file association” poco intuitivo…

29 ottobre 2009 Nessun commento

VMWare finalmente ha rilasciato la tanto attesa nuova versione di Fusion, arrivata alla 3.0, apportando tante nuove funzioni che finalmente la rendono uno dei migliori software di virtualizzazione in ambito Mac.

Una delle più grandi lacune che ho da sempre lamentato in Fusion era la mancanza nella possibilità di aprire file con un applicazione di Windows virtualizzato direttamente dal Finderl (Es: aprire un file XLS direttamente dal Finder e far sì che si aprisse con Microsoft Excel 2007 virtualizzato). Questo è di fatto un file association, ovvero associare delle estensioni con un programma a scelta.

Nonostante gli sforzi di VMWare, ancora non è possibile di default fare questo con Fusion, ma con qualche piccolo accorgimento si riesce ad aggirare il problema.

  1. Posizionarsi con il Finder sulla cartella in cui risiede la propria Virtual Machine (Windows per intenderci);
  2. Cliccare con il tasto destro sulla VM (Virtual Machine) e selezionare “Mostra contenuto pacchetto” (Show Package Contents);
  3. A questo punto si apre una nuova finestra dentro si trova la cartella “Applications” in cui vi sono le applicazioni installate in ambiente Windows;
  4. Aprire un altro Finder e spostarsi nella cartella /Applications di Mac e creare una nuova cartella chiamata (ad esempio) “Windows Applications“;
  5. Copiarci dentro le applicazioni (dalla cartella Applications nella VM che si desidera vengano indicizzate da Spotlight come applicazioni native in Mac;
  6. Selezionare un file con l’estensione che si intende associare ad un’applicazione di Windows e cliccare con il destro scegliendo “Ottieni Informazioni
  7. Selezionare l’opzione “Apri con” e quindi “Altro” (Open With – Other)
  8. A questo punto scegliere l’applicazione che si intende associare all’estensione del file. La si può trovare facilmente nella cartella Windows Applications che preventivamente si è creata al punto 4!
  9. Dare OK e cliccare su “Modifica tutto” (“Change All”smileys. D’ora in avanti si aprirà Fusion e relativa applicazione quando si apre un file con quella estensione.



Ora qualche screenshot per seguire meglio le indicazioni:



Buon divertimento e buona virtualizzazione a tutti!


Categorie:Download, Mac, Software, Varie, Windows Tag:

FreePOPs 0.2.9

7 gennaio 2009 30 commenti

Proprio sotto Natale il team FreePOPs non ha smesso di lavorare e ci ha “donato” una nuova versione di FreePOPs giunta alla 0.2.9 dell’utilissimo programma che consente di scaricare la posta sul proprio client di posta (Mail, Thunderbird, Outlook) e-mail anche dai servizi che non consentono di utilizzare il proprio server POP3 a meno che non si utilizzi la loro connessione internet.

Esempi ecclatanti sono Libero, Hotmail, Alice, Inwind, Virgilio e tanti altri… servizi di posta a mio avviso di dubbia qualità (specie per la posta indesiderata che non viene filtrata adeguatamente) soprattutto se confrontati con servizi come gMail o Aol.

Questa versione ha apportato notevoli miglioramenti “sotto il cofano” proprio guardando in direzione di Leopard, il nostro amato sistema della Mela.

Da qui potete visitare il sito ufficiale del progetto FreeePOPs.

Da qui, invece, potete accedere alla guida completa per la configurazione della posta in ambiente Mac con FreePOPs (e l’utilizzo di FMU).

FreePOPs 0.2.8!

12 novembre 2008 16 commenti

E dopo tanto development (sviluppo), il team di FreePOPs ha dato vita alla nuova versione, attualmente arrivata alla 0.2.8 dell’utilissimo programma che consente di scaricare la posta sul proprio client di posta (Mail, Thunderbird, Outlook) e-mail anche dai servizi che non consentono di utilizzare il proprio server POP3 a meno che non si utilizzi la loro connessione internet.

Esempi ecclatanti sono Libero, Hotmail, Alice, Inwind, Virgilio e tanti altri… servizi di posta a mio avviso di dubbia qualità (specie per la posta indesiderata che non viene filtrata adeguatamente) soprattutto se confrontati con servizi come gMail o Aol.

Da qui potete visitare il sito ufficiale del progetto FreeePOPs.

Da qui, invece, potete accedere alla guida completa per la configurazione della posta in ambiente Mac con FreePOPs (e l’utilizzo di FMU).

iPhone/iTouch Backup Disabler (IBD)

10 agosto 2008 14 commenti

Dall’introduzione dell’iPhone 3G e del tanto atteso firmware 2.0, Apple ha introdotto in iTunes il backup automatico in iTunes ogni qual volta si effettui una sincronizzazione dell’iPhone (o iTouch).

Il backup, sfortunatamente, è un’operazione abbastanza lunga a seconda delle applicazioni installate sull’iPhone e scaricate dall’AppStore.

IBD Stufo di dover sempre annullare il backup automatico, o di attendere troppo tempo per il suo completamento, ho creato iPhone Backup Disabler, un programma che permette di disattivare il backup automatico lasciando tuttavia la possibilità di effettuarlo manualmente.

L’applicazione permette ovviamente anche di ripristinare le impostazioni di default di mamma Apple.

IBD.dmg iPhone Backup Disabler – 888 KB



Screenshots:


Caratteristiche Software:
  • Licenza: Freeware
  • Versione: 0.1
  • Autore: Max Gallina
Requisiti necessari:
  • Mac OSX 10.4.x o superiore
  • iTunes 7.7.1 o superiore
  • iPhone 3G or 2G or iTouch













paypal